24 ore di gioia

Come trascorrere 24 ore, visitando alcuni dei luoghi più belli della provincia di Salerno.

La vacanza, almeno come la intendiamo noi, è gioia pura, divertimento ovvero semplicemente “fare quello che più ci piace”.

Però io spesso mi chiedo come un turista, in visita da noi, riesca a trovare il ritmo giusto per godere della vacanza, magari solo di poche ore.

Ad esempio, soprattutto se arrivi da grandi città americane, la prima difficoltà è adattarsi alla nostra viabilità confusionaria, e alle strade “mini”.

Ma si sa paese che vai abitudini che trovi!

Per cui credo che per riuscire ad avere il giusto “assaggio” di un luogo che si visita, soprattutto in poco tempo, sia possibile solo con l’aiuto di una buona guida.

Da qualche anno mi diverto ad ospitare turisti a casa.

Ho notato che gli stranieri principalmente, sono molto contenti dei miei suggerimenti su cosa fare… cosa vedere e così… ho pensato di estendere la cosa.

E’ abbastanza facile per me, perchè le gite che consiglio ai miei ospiti, sono in fondo solo il concentrato di quello che mi piace fare, quando ho tempo libero per almeno un giorno!

Partiamo con il primo itinerario, uno di quelli che ottiene sempre un grande successo:

Paestum e Cava de’ Tirreni.

Iniziate la giornata con un tuffo a mare all’oasi dunale di Paestum. Mi piace perchè la sabbia è fine e la spiaggia è pulita, grazie all’impegno dei volontari di Legambiente. Parcheggiate, attraversate la pineta e vi ritroverete in spiaggia.

Trascorrere un paio di ore qui tra sole, relax e passeggiate sul bagnasciuga è un toccasana che vi condurrà diritti diritti alla seconda tappa della giornata: il pranzo.

Non so se ho scelto la spiaggia a causa della vicinanza con un certo caseificio o viceversa, ma senza dubbio la sosta obbligata è da Barlotti.

degustazione di mozzarella da BarlottiMi piace perchè mangiare la mozzarella in compagnia delle bufale, che se ne stanno lì di fianco a ruminare, vi garantisco è un’emozione irrinunciabile. Non fate gli scettici ci sarà un po’ di “sentore di stalla” ma tutto sarà perfetto. E una volta che avrete nel piatto la vostra bella mozzarella, bianca e croccante ve ne accorgerete!

Al punto che, prima di andar via vi verrà il desiderio irrefrenabile di accarezzare la bufala, per salutarla!

Insomma il pranzo “con le bufale” di Barlotti è davvero un’esperienza extra-sensoriale, inoltre non inciderà di molto sul vostro portafogli!

Per i più golosi, non perdetevi i dolci: uno su tutti, la sbrisolona con ricotta e cioccolato: buonissima.

il tempio doricoCon questa carica energetica sarete pronti per la passeggiata al Parco archeologico di Paestum, l’area dei templi di architettura dorica e il museo dove potrete ammirare “la Tomba del Tuffatore”,  unica testimonianza della pittura greca a grandi dimensioni, non vascolare, precedente al IV sec. a.C.

 

Io a questo punto della giornata tornerei a casa per una doccia, per cui se state cercando un posto per rinfrescarvi e trascorrere la notte, ho un suggerimento speciale e soprattutto fuori dalle rotte turistiche.

Eccolo: https://www.bed-and-breakfast.it/it/campania/bb-ichome-cava-de-tirreni/45774

b&b Ichome Cava de' TirreniIco ha avuto la bella idea di reiventarsi con questo b&b, offrendo ai suoi ospiti camere confortevoli e arredate con gusto, unite ad un soggiorno accogliente; rievocando quella che, secondo me, era la vocazione naturale della città di Cava de’ Tirreni, “Stazione di soggiorno e turismo” recitavano i vecchi depliant pubblicitari.

Ebbene qui sarete accolti molto bene.

Visiterete il borgo di Cava, passeggiando a piedi lungo i portici, di sera molto frequentati data la numerosa presenza di locali, ristoranti, bar, birrerie e non avrete che l’imbarazzo della scelta.

Se non sapete scegliere e avete voglia di uno stuzzichino gustoso accompagnato da un ottimo bicchiere di vino, fermatevi a Piazza San Francesco da “Don Piero”, un panino “chic” e l’ottima simpatia e professionalità di Domenico Sarno vi conquisteranno!

Et voila’

Il resto della serata vi lascio liberi.

😉

Pubblicato da

simona de pisapia

Volti, tradizioni, clima varietà di terreni, vitigni, esperienze, mani segnate dal lavoro in campagna, sono  aspetti che coinvolgono l'intero mondo del vino, e alcune regioni, come Sicilia, Sardegna, Calabria, Basilicata, Puglia e la nostra Campania stessa, stanno vivendo un vero e proprio rinascimento, grazie al coinvolgimento di tante persone. E di loro mi preme raccontare, attraverso un mezzo a me familiare: la degustazione del vino. Si va a degustare?

Lascia un commento